Cura delle Calvizie

Trikos: centro d’eccellenza nella cura della calvizie a Padova.

Cura delle calvizie a Padova

Ogni capello nasce, cresce, invecchia e cade per lasciar posto a un altro capello che ricrescerà nello stesso punto. Per ognuno di noi, il ricambio graduale dei follicoli è perfettamente normale, ma per nostra fortuna questo ricambio non avviene contemporaneamente per tutti i capelli, altrimenti ci ritroveremmo periodicamente calvi.

Che cosa provoca, quindi, il diradamento dei capelli e la calvizie?

La calvizie: facciamo un po’ di chiarezza

Il processo che porta alla diminuzione della quantità, del colore e dello spessore dei capelli si chiama alopecia. L’alopecia può essere di due tipi:

1. Alopecia areata: interessa zone, rotonde e dai limiti netti, più o meno grandi della testa. Può verificarsi anche su altre parti del corpo e diradare i follicoli piliferi su viso, petto e pube. Le cause possono essere ansia, stress e malattie varie: una volta risolti i problemi scatenanti i capelli possono ricominciare a crescere.

2. Alopecia androgenetica: porta alla forma di calvizie più diffusa negli uomini dai 18 anni in su e nelle donne dopo i 50 anni. Le sue origini sono genetiche o ormonali, non prevede quindi alcuna possibilità di ricrescita futura. Il diradamento dei capelli avviene con un ritmo lento, ma progressivo, a partire dalle tempie.

Prova il test di autovalutazione per ricevere il parere di un esperto sulla salute dei tuoi capelli, clicca qui!

Le cause della calvizie

Le cause della perdita di capelli possono essere diverse:
• influenze stagionali
• malattie infettive
• momenti di stress
• trattamenti farmacologici
• diminuzione degli ormoni femminili (post-parto, allattamento, menopausa)
• dieta povera e inadeguata
• fattori ambientali (inquinamento, esagerata esposizione al sole)
• fumo
• predisposizione ereditaria
• alterazioni ormonali

Ansie e paure? Sono solo un brutto ricordo

A molti uomini, la calvizie provoca insicurezze, paure e ansie causate dal timore di non risultare più piacevoli, di non riconoscersi, di invecchiare. C’è chi vive questo periodo con tensione o rimandando continuamente il momento in cui affrontare una volta e per tutte il problema.

Oggi, le nuove tecnologie e le più moderne scoperte scientifiche nella prevenzione della calvizie consentono di intervenire in modo mirato in diversi modi, ad esempio tramite l’autotrapianto dei capelli, che consiste nel prelievo dei capelli dalla nuca con innesto nella zona calva; oppure con il rinfoltimento tramite capelli umani, che consiste nell’innesto di cuoio capelluto su una membrana microporosa ipoallergenica capace di simulare in tutto e per tutto il cuoio capelluto originale.

Contattaci per una consulenza gratuita! Operiamo anche a Vicenza e Verona.

Domande frequenti

Tagliare i capelli li rende più forti e li fa crescere di più?

FALSO

Il capello non è come un albero che potiamo per irrobustirlo. Il taglio allontana soltanto una parte di cellule morte, quindi non incide sulla radice, la zona in cui il capello cresce. Forse questa credenza deriva dal fatto che, eliminando la parte più vecchia, e quindi più rovinata del capello, la chioa acquista un aspetto più sano e folto. Solo nel caso di una vera e propria rasatura, il taglio “a spazzola” per intenderci, si è visto che il capello cresce più velocemente. E’ un po’ come se il taglio trasmettesse ai bulbi il segnale di velocizzare la crescita. I capelli però non diventano nè più forti nè più folti.

Sole e acqua di mare fanno bene alla forfora?

VERO & FALSO

Si è notato che chi si espone a giuste quantità di raggi ultravioletti riesce a sconfiggere la forfora ritardandone l’eventuale ritorno. Il sole va comunque preso con parsimonia perchè, se fa bene al cuoio capelluto, altrettanto non si può dire per il fusto dei capelli, che vanno protetti utilizzando prodotti che contengono filtri solari. A proposito dell’acqua salata, invece, non esistono conferme sul fatto che possa limitare la produzione della forfora.

Cento colpi di spazzola al giorno rendono i capelli più sani?

FALSO

Le spazzolate, soprattutto se troppo energiche e troppo lunghe, sfibrano la cuticola (la parte più esterna del fusto) fino a spezzare il fusto. Questi danni sono ancora più marcati spazzolando o pettinando i capelli bagnati. Il segreto di una pettinatura senza danni  sta in movimenti delicati e veloci. Scegliete solo spazzole morbide con setole naturali e pettini con denti non troppo stretti, meglio se in legno. I materiali naturali, infatti, elettrizzano meno il capello. In ogni caso sarebbe meglio preferire il pettine alla spazzola.

Le stagioni influiscono sulla caduta dei capelli?

VERO

In primavera e in autunno è normale notare una maggiore caduta dei capelli. Questo è un fenomeno dovuto ad una specie di muta che avviene in molte specie animali, ma che coinvolge anche gli uomini.  Per fortuna questo fenomeno è ridotto negli uomini, si limita ad un ricambio stagionale. Lo notiamo perchè sul pettine e nel lavandino restano un maggior numero di capelli. La caduta stagionale è normale, caratterizza tutta la testa e rallenta da sola, non richiedendo nessun tipo di intervento curativo. Questo fenomeno è causato dagli ormoni che, in base alle variazioni di temperatura e al variare del numero di ore della luce, fanno scattare il meccanismo di ricambio.

Lavarsi spesso la chioma fa male?

FALSO

I capelli non vanno lavati solo quando sono sporchi e comunque con detergenti non troppo forti. Non è assolutamente vero nemmeno il fatto che, lavando i capelli troppo spesso, questi cadano di più. I capelli che cadono durante il lavaggio sono quelli che sono nella fase telogen, cioè quelli alla fine del loro ciclio di vita e che cadrebbero comunque.